/ /

Giustizia & impunità
19 Ottobre 2016 | di

Mafia Capitale, Micaela Campana (Pd): “Perché chiamavo Buzzi grande capo?”. Ascolta le risposte che indispettiscono i giudici

“Perché chiamavo ‘grande capo’ Salvatore Buzzi? Per rispetto nei confronti di una persona più anziana di me e capo di una cooperativa che io ho sempre ritenuto la più importante del centro-sud. Il mio era un modo rispettoso di rivolgermi a una persona più grande”. E’ la reiterata risposta che la deputata Pd Micaela Campana ha fornito ai magistrati del processo “Mafia Capitale” per spiegare il suo noto sms al presidente della Cooperativa 29 giugno, Salvatore Buzzi, in risposta al messaggio di quest’ultimo, che la sollecitava a fare un’interrogazione parlamentare in suo favore. A domanda più precisa del pm Tescaroli, la parlamentare svicola, guadagnandosi un monito del magistrato: “Scusi, onorevole, lei è persona brillante, quindi credo che abbia compreso il senso della mia domanda. In relazione a questa interrogazione parlamentare, vi siete sentiti, ne avete parlato?”. “Che io ricordi no. Il Pd non ha più fatto questa interrogazione” – risponde Campana – “Fu poi il M5S a presentarla“. La presidente del collegio giudicante insiste col chiedere lumi sulla natura affettuosa di quel sms e di quell’appellativo. La parlamentare dem non cede e ribadisce la sua motivazione. “Lei ricopre un ruolo istituzionale” – obietta il pm – “e si esprime in questo sms con un atteggiamento di soggezione rispetto a un imprenditore. Questo è il punto”. “Non era soggezione o sottomissione” – ripete Campana – “Era rispetto nei confronti di una persona più grande di me e io tendenzialmente sono una persona rispettosa verso chi è più grande di me”. Tranchant la replica del giudice Ianniello: “Scusi, ma una volta il rispetto si esprimeva dando del ‘lei’ alle persone più anziane. Lei invece dà del ‘tu’ a Buzzi”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×