/ /

Lavoro & precari
18 Ottobre 2016 | di

Foodora, parlano i lavoratori in stato d’agitazione: “Al posto dei licenziamenti ci hanno bloccato la app per i turni”

A Torino, da una settimana i riders della popolare app per la consegna a domicilio del cibo, Foodora, hanno dichiarato lo stato di agitazione. Protestano contro il cambiamento delle condizioni contrattuali ovvero il passaggio da un pagamento orario al cottimo, 2.70 euro a consegna: “E’ inaccettabile che un’azienda che nell’ultimo anno è cresciuta a dismisura non migliori le condizioni dei propri lavoratori, anzi le renda ancora peggiori”, raccontano i lavoratori che nelle scorse settimane hanno denunciato ritorsioni contro i portavoce della protesta. “Nella gig economy – spiega Jaime – non c’è più bisogno del licenziamento. Semplicemente ti viene bloccato l’accesso all’app per prenotare i turni e non te ne vengono più assegnati”. Una ritorsione che sarebbe stata usata anche contro quei commercianti che hanno solidarizzato con la protesta: “Quando abbiamo appreso delle rivendicazioni abbiamo scritto un post su Facebook in solidarietà dei ragazzi racconta Armando, titolare della tigelleria Sorbole di Torino – e il giorno successivo abbiamo scoperto che Foodora ci aveva estromessi dal servizio”  di Simone Bauducco

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×