/ /

Diritti
13 Ottobre 2016 | di

Reato di tortura, “Italia paradiso giudiziario”. Le associazioni a Renzi: “Dai tweet ai fatti”

A dicembre saranno 28 anni che il reato di tortura attende di essere accolto nel nostro ordinamento. E nonostante l’Italia abbia ratificato la Convenzione Onu nel 1988, l’iter legislativo affronta l’ennesimo stallo, con il ddl tortura fermo al Senato. A Roma l’associazione Antigone ha promosso una manifestazione davanti alla Camera per sollecitare il governo “a fare presto”. “Chiediamo al premier Renzi e al ministro della Giustizia Orlando di passare dalle parole, e dai tweet, ai fatti – dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone -. Questa legge non è contro le forze di polizia, anzi. Consente di individuare e isolare le mele marce all’interno dei loro reparti. L’Italia rischia di diventare un paradiso per i torturatori come le Bahamas lo sono per gli evasori fiscali”. Presente al sit, tra gli altri, anche la sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, insieme ad Amnesty International Italia, ai Radicali Italiani, e a rappresentanti della Cgil

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×