/ /

Economia & Lobby
8 Ottobre 2016 | di

Esselunga, Caprotti anti-Coop fino all’ultimo. Poletti: “Un cittadino di ciò che è suo fa quel che vuole”

“Un cittadino di ciò che è suo fa quello che crede meglio e Caprotti, del tutto legittimamente, ha deciso”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a margine della Biennale dell’economia cooperativa replicando a chi gli chiedeva un commento sulla decisione del fondatore di Esselunga, Bernardo Caprotti, di inserire nel suo testamento la clausola per cui la sua azienda non possa essere venduta alla Coop.

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×