/ /

Economia & Lobby
4 Settembre 2016 | di

Banche, dove sono finiti i soldi di Draghi? Parola agli ex: Unicredit, Intesa e Mps

“Whatever it takes, tutto ciò che sarà necessario”. L’impegno del presidente della Bce Mario Draghi a utilizzare la politica monetaria per far ripartire l’economia europea in Italia non sta dando i risultati sperati. L’enorme massa di liquidità a costo zero trasferita al sistema bancario attraverso strumenti come il Quantitative easing fatica a raggiungere l’economia reale, le imprese e le famiglie. Che fine hanno fatto quei soldi? “Sono rimasti in parte alla Bce o investiti in titoli di stato”, risponde Federico Ghizzoni, ex ad Unicredit, a margine degli incontri del Forum Ambrosetti di Cernobbio. “Gli investimenti in titoli di stato non sono cresciuti, c’è stato un effetto di sostituzione dei prestiti alle imprese valide con nuovi prestiti a tassi più favorevoli”, è invece l’opinione dell’ex presidente di Mps Alessandro Profumo. “La politica monetaria non basta”, sentenzia l’ex ad di Intesa San Paolo, Corrado Passera, che rilancia: “Stiamo sprecando tassi bassissimi per colpa di una politica economica che non fa ripartire gli investimenti”. E le banche? D’accordo in questo caso Ghizzoni e Profumo nel lamentare le continue richieste Francoforte di nuovi (e costosi) adeguamenti del capitale minimo delle banche che si traduce in ricapitalizzazioni cicliche e incertezza sulle risorse che saranno necessarie agli istituti per essere a norma. Mentre Passera punta il dito sugli istituti mal gestiti

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×