/ /

Giustizia & impunità
26 Luglio 2016 | di

Beni confiscati, Pignatone ‘bacchetta’ la stampa: “Ci sono esempi virtuosi grazie allo Stato, scrivetelo”

“Il tribunale di Roma, in questo momento, gestisce un patrimonio enorme. Siamo sui 1100 immobili in sequestro e 300 aziende attive sul mercato. Un patrimonio di un miliardo e mezzo, due miliardi”. Così il presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Roma, Guglielmo Muntoni, oggi negli uffici della presidenza del tribunale di Roma dove è stato siglato il nuovo protocollo per la gestione dei beni confiscati alle organizzazioni mafiose nel Lazio. Il documento, già sottoscritto due anni fa da un numero ristretto di soggetti, è stato oggi allargato a 18 organizzazioni. Alla firma del protocollo hanno partecipato, tra gli altri: il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Virginia Raggi. “La nostra prima preoccupazione è quella di mantenere tutte le aziende che sequestriamo attive, mantenendo i posti di lavoro e le attività commerciali. L’altro scopo è quello di assegnare gli immobili, se liberi – continua Muntoni -, e destinarli ai comuni in cui si trovano per uso pubblico”. Il procuratore Pignatone si è appellato alla stampa affinché si evidenzino gli sforzi degli attori impegnati nel contrasto alla criminalità organizzata e non solo i malfunzionamenti della giustizia. “Quando, dopo un sequestro, una azienda sequestrata ricomincia a lavorare non è uno scandalo perché tutto continua come prima e dietro c’è un mafioso come prima – ha detto Pignatone – è un esempio virtuoso di una società e di uno Stato che funziona e che rimette in moto delle realtà produttiva, riportandole alla piena legalità, evitando licenziamenti e perdite di ricchezza complessiva”. Il presidente Zingaretti si è impegnato a dare concretezza al protocollo con un bando dal valore di 750mila euro e un meccanismo di premialità per chi decide di prendere in gestione o riconvertire beni confiscati alla mafia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×