/ /

22 Luglio 2016 | di

Magistratura, Mieli vs Davigo: “Meno passerelle e più lavoro”. “Noi i più produttivi in Europa”

Dibattito animato tra il presidente dell’ANM Piercamillo Davigo e il giornalista Paolo Mieli, ospiti a In Onda (La7). Quando il conduttore David Parenzo chiede a Mieli perchè le esternazioni di Davigo infiammino sempre il dibattito politico l’ex direttore del Corriere risponde innescando la reazione del magistrato: “Sono cose ovvie quelle che si dicono, vere quanto le sue, ma se i magistrati invece di andare in giro a fare passerelle stessero a fare il loro mestiere…”. Davigo risponde piccato, facendo notare la differenza tra la verità e le opinioni: “No, la differenza è che le mie sono vere e le sue no” e poi spiega: “I magistrati italiani sono quelli che lavorano di più, quindi non è vero che la crisi della giustizia dipende dal fatto che i magistrati lavorano poco” e sul provvedimento del governo Renzi sulla riduzione delle ferie ai magistrati dice: “Era uno schiaffo in faccia, perchè faceva credere ai cittadini che la crisi della giustizia dipendeva dalle ferie dei magistrati”. In controtendenza la tesi del giornalista che continua: “Ci sono dei magistrati che lavorano poco ma nessuno li accusa di niente. ci sarà una volta che qualcuno dice ho sbagliato?” Il dibattito tra i due tradisce una certa insofferenza: “Ho difficoltà ha discutere col direttore perchè tutte le volte che dice qualcosa la infarcisce di notizie non vere e le presenta come se fossero vere. I processi – conclude Davigo – durano tanto perché ce ne sono troppi”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×