/ /

Cronaca

Napoli, aggressione omofoba a Ponticelli. La vittima: “Ho pensato di morire”

Sono le 18 di martedì 5 luglio quando Lino Fusco, un giovane napoletano di 25 anni viene aggredito fisicamente mentre percorre un tratto isolato di via Argine, poco distante dal quartiere Ponticelli. “Sei un ricchione” – queste le urla provenienti da un’auto. A bordo tre uomini che nel giro di pochi minuti lo hanno avvicinato con la scusa di farsi prestare un accendino. I tre uomini dopo averlo braccato lo hanno assalito con calci e pugni. Alla fine, occhiali rotti, qualche pestone e diversi i punti di sutura, ma soprattutto la paura. Lino ha pensato al peggio: “Non si fermavano più, dopo i calci credevo che avrebbero potuto uccidermi”.

A nulla è servito il tentativo da parte del giovane di farli smettere, gli aggressori non hanno voluto né soldi, né il telefonino. L’episodio è chiaramente di matrice omofoba. “Ho denunciato quanto accaduto alla polizia perché non si può picchiare un ragazzo solo per il fatto di essere gay – ha detto Lino al fattoquotidiano.it – sono stati attimi di terrore, non dovrebbe mai accadere a nessuno”. Dopo l’ennesimo episodio violento contro gli omosessuali Arcigay Napoli chiede interventi strutturali e per i casi più gravi la realizzazione di una casa di accoglienza per le vittime  di Fabio Capasso e Veronica Bencivenga

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×