/ / /

6 Giugno 2016 | di

Elezioni, Lillo (Il Fatto): “M5S ha contro la Rai, basti vedere i modi usati da Vespa con i pentastellati”

“Io non li chiamerei più grillini ma M5S, perché ormai si sono affrancati da Beppe Grillo sia pur non definitivamente, ma è un passo importante”. Così Marco Lillo, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano, a ‘Coffee Break’ (La7) sull’analisi dei dati del Movimento 5 stelle nelle amministrative del 2016. “Vorrei sottolineare che il successo del M5S non può essere paragonato al boom di Forza Italia del ’94, perché i 5stelle hanno contro tutto il sistema mediatico: dal Tg1, al Tg2, al Tg3 che sono chiaramente ostili. Ieri a ‘Porta a Porta’ (Rai1) – aggiunge Lillo – c’era il tono irridente di tutto il consesso giornalistico in studio e si sottolineavano le dichiarazioni di Alessandro Di Battista (M5S) e il modo sbrigativo con cui il conduttore, Bruno Vespa, chiudeva il collegamento. Non si può trattare così una forza che ha il 35% dei voti. Bisogna sottolineare – conclude il giornalista – che c’è un movimento che ha rinunciato a 80 milioni di euro di contributi pubblici e dall’altra un partito come quello di Giorgia Meloni (FdI) che ha ereditato sui 100 milioni di euro di contributi pubblici che se li è tenuti e li stanno utilizzando”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×