/ / /

22 Maggio 2016 | di

Servizio Pubblico, la voglia matta di Amnèsia. La marijuana che non è una droga leggera

Con una lettera al “Messaggero” nel gennaio 1973, Pannella apre la campagna per la depenalizzazione e liberalizzazione delle droghe leggere. La parola d’ordine era: “Contro la droga di stato e per la liberalizzazione delle droghe leggere”.
Altro strumento di pressione fu la raccolta di firme iniziata a novembre del 1993. Le firme necessarie (50.000) furono raccolte e superate, ma le due proposte di legge non furono mai inserite all’ordine del giorno della discussione in nessuna delle due Camere. Nel frattempo in Italia si è diffusa, sempre di più, l’Amnèsia, una droga ottenuta spruzzando la marijuana con le sostanze più varie, dal metadone fino all’acido di batteria, che provoca fortissimi attacchi d’ansia e panico. Il racconto di Pablo Trincia.

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×