/ /

Politica & Palazzo
21 Maggio 2016 | di

Referendum, la Boschi messa in difficoltà dallo studente. Ecco come gli risponde

Maria Elena Boschi risponde a Alessio Grancagnolo, lo studente universitario di giurisprudenza che il 13 maggio durante un incontro con la ministra presso l’Università di Catania critica nel merito e nel metodo la campagna del governo per il Sì al referendum costituzionale di ottobre (VIDEO). Punto per punto, la Boschi ribatte alle accuse di Alessio, a partire dalla legittimità del Parlamento, “che ha votato questa riforma con una maggioranza ben più ampia di quella restituita dal premio di maggioranza previsto dal Porcellum”. La ministra difende l’iniziativa governativa: “E’ stata prevista dai padri costituenti”, spiega citando la commissione Terracini. E aggiunge: “Il Presidente Napolitano diede l’incarico a Renzi chiedendo di formare un governo che riprendesse la riforma costituzionale e elettorale. Intenzione poi esplicitata di fronte al Parlamento quando Renzi disse: “Mi auguro di essere l’ultimo Presidente a chiedere la fiducia al Senato”. Pesi e contrappesi non la preoccupano. “Non è questo il ruolo del Senato”, spiega, dichiarando che non c’è rischio di derive antidemocratiche. Perché i contrappesi rimangono: “Una Corte Costituzionale la cui indipendenza è garantita dalla sua elezione, il Presidente della Repubblica con le sue prerogative, il referendum abrogativo. Ma anche l’indipendenza della magistratura, la libertà di stampa“. Quanto al nuovo sistema elettorale, la Boschi risponde che si tratta di “una legge maggioritaria molto più garantista di altre”, e fa l’esempio di quella presente nel Regno Unito. Da ultimo, sulla “personalizzazione del referendum”, chiosa: “Rivendico il cambiamento di mentalità politica: se ci abbiamo messo la faccia non sarebbe serio fare finta di niente se l’esito fosse negativo”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×