/ /

Politica & Palazzo
9 Maggio 2016 | di

Referendum riforme, vox deputati Pd: ‘Frase Boschi che paragona No a Casapound? Ha ragione’. ‘Un errore’

“L’Anpi come Casapound?, chiede una cronista al ministro per le Riforme Costituzionali, Maria Elena Boschi (Pd), che sta entrando nella sede nazionale del Partito democratico per la direzione nazionale, ma la Boschi preferisce non tornare sulla sua frase (‘Chi vota no al Referendum Costituzionale la pensa come Casapound‘) che tante polemiche ha generato: “Oggi siamo impegnati, tutto il Pd – afferma -, per vincere il referendum Costituzionale“. “Io sto al merito, ma penso che Maria Elena Boschi volesse far vedere come si siano accumulate parti politiche che non dovrebbero esserlo per abbattere il governo Renzi” è il pensiero di Emanuele Fiano (parlamentare Pd). “Noi parliamo del merito della riforma tutti i giorni, mentre voi del Fatto Quotidiano gridate alla dittatura – afferma Andrea Romano che aggiunge – da Casapound, fino a Sel, passando per il Fatto Quotidiano fino a Berlusconi, questa è la coalizione che si oppone alla nostra riforma”. Frase eccessiva quella della Boschi? “Perché?” domanda il capogruppo dem alla Camera dei deputati, Ettore Rosato: “Noi parliamo del merito tutto i giorni, ma a voi non interessa”. Solo Sandra Zampa è critica: “E’ stato un errore. I renziani sbagliano: dovrebbero riflettere sul fatto che l’Anpi e parti della società non sono d’accordo con la riforma. Io sono contraria alla demonizzazione dell’avversario e – prosegue – della sua messa in ridicolo e così stiamo aggiungendo danni. C’è bisogno di rispetto senza bisogno di questa demonizzazione”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×