/ /

Ambiente & Veleni
25 Aprile 2016 | di

Australia, il fiume va a fuoco: è carico di gas metano. La denuncia di un deputato dei Verdi

Basta una scintilla e le acque del Condamine, un fiume del Queensland (Australia), prendono misteriosamente fuoco. Non si tratta di un fenomeno naturale ma di un accumulo anomalo di gas metano dovuto all’estrazione con la tecnica del fracking, vale a dire  la fratturazione idraulica. Nelle vicinanze del fiume c’è un sito di trivellazione e il gas deve essere filtrato attraverso le rocce finendo nel Codamine. La denuncia è partita da , un membro del partito dei Verdi del New South Wales, che ha pubblicato questo video sul suo profilo Facebook dove afferma di sentirsi preoccupato: “Le emissioni incontrollate provenienti dall’industria del gas potrebbero avere un ruolo importante nel cambiamento climatico

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×