/ /

Ambiente & Veleni
24 Aprile 2016 | di

Petrolio Genova, “In Val Polcevera l’emergenza sanitaria esiste da anni. Lo dicono i dati”

“Questa è solo l’ennesima emergenza per la Val Polcevera, a Genova“. Così Valerio Gennaro, epidemiologo e attivista dell’associazione Medici per l’Ambiente sulla perdita di petrolio che domenica 20 aprile ha riversato tonnellate di greggio nel torrente Polcevera e in mare. A cedere, un tubo dell’oleodotto della raffineria Iplom. “Da anni denunciamo uno stato di emergenza ambientale ma anche sanitaria. Non siamo più disposti a sentire il ricatto che costringe a scegliere tra lavoro e salute“. Per Federico Valerio, chimico ambientale, sarebbe “finita un’epoca”. “Dopo gli accordi di Parigi, i maggiori Stati del mondo hanno ratificato gli accordi e rinunciato a proseguire le estrazioni. Tutto questo è in forte contrasto con il sostanziale ‘via libera alle trivelle’ dato dal Governo Renzi“. E i lavoratori? “I nuovi lavori sono quelli della efficenza energetica, della manutenzione degli edifici, la riconversione alle energie pulite”. Le soluzioni ci sono, aggiunge Valerio Gennaro: “Basterebbe ascoltare la società civile anziché quei pochi imprenditori che perseguono i loro legittimi interessi”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×