/ /

Media & regime
18 Aprile 2016 | di

Tv, la guerra di Renzi ai talk politici: dal “pollai senz’anima” al “luoghi effimeri”

“Il dibattito sull’ambiente non può essere lasciato a chi va nei talk show. Politici autoreferenziali che riferiscono in tv senza capire che fuori c’è un Paese che chiede concretezza”. Questo è solo l’ultimo degli attacchi del presidente del Consiglio Matteo Renzi contro i programmi televisivi politici, fatto alla chiusura dei seggi dopo l’esito referendario sulle trivelle, dove non si è raggiunto il quorum. A settembre scorso aveva tuonato durante una direzione Pd: “Se i talk show del martedì fanno meno della replica numero 107 di Rambo dobbiamo riflettere. Evidentemente tra trame conosciute si va verso quella scritta meglio, quella americana”. Prima ancora, il 2 luglio 2015, il premier si era espresso in questo modo da Berlino: “Sono un grande pollaio senz’anima, dove si salvano solo gli spot, perché fanno da cuscinetto tra una rissa e l’altra“. Il 26 gennaio 2015 twittava: “Trame, segreti, finti scoop, balle spaziali e retropensieri: basta una sera alla Tv e finalmente capisci la crisi dei talk show in Italia”. Il video-blob di Renzi contro le trasmissioni di infotainment

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×