/ /

Economia & Lobby
6 Aprile 2016 | di

Petrolio, Descalzi vs M5S: “Eni pattumiera? E’ la mia casa, la più bella e pulita al mondo”

“Sono fiero di vivere in quella che alcuni definiscono una ‘pattumiera‘: è casa mia ed è la più bella e pulita al mondo”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, in audizione davanti le Commissioni Attività produttive alla Camera ed Industria al Senato rispondendo a una domanda di Gianluca Castaldi, senatore M5S, che gli riportava le parole di Michele Marsiglia, presidente di FederPetroli: “Eni non è una pattumiera”, chi lo dice “venga a dirmelo in faccia“, ha aggiunto Descalzi. Sull’inchiesta che riguarda il Centro Oli della Val D’Agri (Basilicata): “Voglio andare fino in fondo, perché ho e abbiamo la coscienza a posto. Teniamo ferma la produzione, non mi interessa, anche per 2 o 3 anni, ma voglio andare a fondo”, ribadisce il manager “perché sono sicuro di quello che abbiamo fatto per la qualità di acqua e suolo, impegno nel quale abbiamo investito miliardi”. Poi Descalzi, dopo il blocco dell’impianto di Val D’Agri, parla anche delle ripercussioni su Taranto: “Ci saranno conseguenze sull’impianto pugliese: stiamo cercando petrolio altrove“, aggiunge Descalzi, “ma costerà di più” ed inquinerà di più” viaggiando su nave, segnala Descalzi, “e secondo stime, si tratterà di 4-5 dollari in più a barile”. Sulla possibilità di produrre senza corruzione, Descalzi replica ancora al M5S: “Sì può fare petrolio senza corruzione. Lo faccio da 36 anni. Non ho mai dovuto corrompere nessuno e nessuno ha mai dovuto corrompermi per avere un campo. Quindi sì, si può fare”. Servono società robuste e serie che esprimono competenze non corruzione. Con la corruzione non si comprano scoperte e non si sviluppa” conclude l’a.d. di Eni

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×