/ /

Politica & Palazzo
4 Aprile 2016 | di

Trivelle, Emiliano sulle “bugie” di Renzi: “Col Sì sprechi e licenziamenti? Matteo, è falso”

“Le Regioni hanno dovuto dirtelo con il referendum: fa in modo che non accada mai più”. Il governatore della Puglia Michele Emiliano prende parola alla direzione nazionale del Pd aperta con la relazione di Matteo Renzi. E sul referendum del 17 aprile sulle trivellazioni in mare ribadisce che voterà Sì. “Dire che con il Sì al referendum si sprecheranno risorse energetiche e si perderanno posti di lavoro sono due bugie“, spiega rivolgendosi direttamente al segretario Renzi, che aveva sostenuto le due tesi nel suo intervento. E spiega: “Se vince il Sì ritornerebbe in vigore l’art. 9 comma 8 della legge 9/91 che dice: “Al fine di completare lo sfruttamento possono essere concesse altre proroghe al concessionario se ha adempiuto a tutti gli obblighi”. Inoltre, Emiliano ribadisce che la strada del referendum è stata presa da nove consigli regionali perché la discussione con il governo non procedeva. “”Era così complicato, Matteo, parlarne ed evitare il referendum? O c’era qualcosa al ministero dello Sviluppo economico che impediva la discussione sul tema energetico?”, domanda Emiliano a Renzi, riferendosi ovviamente alle intercettazioni tra l’ex ministro Guidi e il suo compagno che hanno costretto la ministra alle dimissioni e inguaiato anche la collega Mari Elena Boschi, tirata in ballo proprio in quelle telefonate in mano alla Procura di Potenza (VIDEO guarda l’intervento integrale)

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×