/ /

Economia & Lobby
30 Marzo 2016 | di

Salva banche, risparmiatori attendono ancora il decreto: “Crescono l’esasperazione e la rabbia delle vittime”

In attesa che il governo metta ancora in campo le misure per risarcire i risparmiatori truffati delle vecchie Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, l’associazione “Vittime del Salva banche” hanno incontrato Stefano De Polis, direttore dell’Unità di Risoluzione e Gestione delle Crisi di Bankitalia. “Più il tempo passa, più questo contribuisce a creare esasperazione- E – afferma al termine dell’incontro Letizia Giorgianni, presidente dell’associazione – non nego che la nostra associazione tema di non riuscire più a contenere la rabbia che potrebbe anche esplodere in gesti eclatanti“. L’associazione ha proposto “di coinvolgere anche gli acquirenti delle 4 good bank nella soluzione per i risparmiatori delle vecchie banche che potrebbero offrire come forma di ristoro l’emissione di nuove obbligazioni”. Ipotesi che Bankitalia ha valutato con favore, perchè non violerebbe la nuova normativa europea del Bail in. “E questo – spiega Alvise Aguti, consulente dell’Associazione Vittime del Salva banche – “consentirebbe, assieme all’incremento del fondo (che il governo vorrebbe portare a 280-300 milioni di euro) di raggiungere il totale delle somme perdute dai risparmiatori truffati che supera i 400 milioni di euro“. Al momento, tuttavia, non ci sono compratori per le quattro banche salvate tanto che il governo sta trattando con l’Ue per una proroga sul termine fissato per la vendita previsto per il 30 aprile

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×