/ /

Ambiente & Veleni
25 Febbraio 2016 | di

Francia, macello (biologico) degli orrori a Le Vigan. Ministro dell’Agricoltura: “Inaccettabile”

Questo filmato, girato con telecamere nascoste, mostra le terribili condizioni in cui versano gli animali (maiali, montoni e pecore) all’interno di un mattatoio con certificazione biologica presso il comune di Le Vigan nel dipartimento di Gard nella Francia meridionale. Il video pubblicato sul sito e canale Youtube degli attivisti dell’associazione animalista francese L214 è stato girato a più riprese nell’ultimo anno. Secondo Ecocert, ente di certificazione biologica francese, al momento della macellazione, la sofferenza degli animali dovrebbe essere ridotta al minimo. Tuttavia all’interno del mattatoio, come mostrano le immagini (pubblicate anche da The Huffington Post Francia e Vice), le pratiche adottate dai dipendenti si sono dimostrate di una violenza inaudita. Ad esempio: un tempo insufficiente per lo stordimento tramite pinza elettrica sugli animali prima della loro macellazione. La denuncia degli animalisti ha indotto il sindaco a chiudere il mattatoio in via precauzionale. La magistratura ha avviato le indagini e il ministro dell’Agricoltura francese, Stéphane Le Foll, ha condannato le “pratiche inaccettabili” ed ha “incaricato i prefetti per garantire la prevenzione di eventuali atti di abuso durante la macellazione”. Laurent Kauffmann, il direttore del mattatoio, ha riconosciuto le responsabilità affermando che è stata accertata una cattiva condotta professionale

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×