/ /

Diritti
21 Dicembre 2015 | di

Eutanasia, Marco Cappato: “Abbiamo aiutato Dominique a suicidarsi in Svizzera per una legge sul fine-vita. Ci auto-denunciamo”

Dominique Velati non c’è più, l’abbiamo aiutata ad ottenere il suicidio assistito a Berna, in Svizzera, le abbiamo pagato il treno di solo andata”. Così nella sede dei Radicali a Roma si autodenuncia insieme a Mina Welby e Gustavo Fraticelli di aver agevolato la morte di Dominique (la storia è stata raccontata da Giulia Innocenzi di Servizio Pubblico), compagna radicale e malata terminale di cancro avvenuta il 15 dicembre scorso. “Abbiamo fondato un’associazione, Sos eutanasia, volevamo concorrere nella responsabilità del suicidio, Dominique aveva i 12mila euro per accedere alla clinica svizzera, altri non hanno questa possibilità, è per questo che da oggi aiuteremo anche finanziariamente chiunque voglia ottenere l’eutanasia all’estero” risponde Cappato. Secondo il nostro codice penale si rischia fino a 12 anni per concorso agevolazione del suicidio di terzi. “Ne siamo consapevoli, andremo oggi a denunciare la nostra azione in Questura, lo facciamo perché il Parlamento finalmente discuta la nostra legge d’iniziativa popolare sull’eutanasia e il testamento biologico depositata oltre due anni fa, siamo pronti a sfidare questa legge assurda in sede giudiziaria in difesa dei principi costituzionali che tutelano la libertà personale ” afferma ancora l’esponente dei Radicali italiani. “Oggi in Italia oltre un migliaio di malati terminali si suicida, poi c’è l’eutanasia clandestina, non è una condizione che può continuare, la politica preferisce non discuterne per interessi propri e giochi di potere, ma i cittadini sono pronti lo dicono tutti i sondaggi” chiosa

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×