/ / /

17 Novembre 2015 | di

Crozza: “Attentati Parigi? Piangiamo solo le città di cui abbiamo un souvenir attaccato sul frigo”

Copertina di Maurizio Crozza che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7) con una riflessione amara sugli attentati di Parigi: “Questo è il momento di non cedere alla paura. Questo vorrebbero i terroristi: farci cambiare lo stile di vita, il nostro modo di esprimerci. Io sono un comico e la comicità con loro è un esercizio molto pericoloso. Ma non cambio il mio modo di essere. Non facevo battute sull’Isis prima e non ne farò nemmeno adesso. Avevo paura prima e ce l’ho anche adesso“. Il comico poi aggiunge: “A gennaio, dopo la strage di Charlie Hebdo, te la potevi cavare con un “Je suis Charlie”, ora con “Je suis Paris”. Ma due giorni prima c’è stato un attentato in Libano con 44 vittime e 239 feriti. Quindi, bisognerebbe scrivere sulle magliette anche “Je suis Beirut”. E 10 giorni prima è esploso un aereo sul Sinai: 224 morti. Bisogna quindi aggiungere anche “Je suis Air Bus 321 avec les touristes russes”. Cioè, se qualcosa accade a Parigi, giustamente ci sentiamo tutti coinvolti. Sul Sinai, meno. A Beirut quasi per nulla“. E continua: “Quanto deve essere vicina una barbarie perché ci colpisca come esseri umani? Piangiamo solo le città di cui abbiamo un souvenir attaccato sul frigo? Da tre giorni sui social milioni di utenti hanno colorato la propria foto profilo di blu, bianco e rosso. Di che colore è la bandiera libanese? Forse la foto della bandiera libanese col cedro al centro, sul naso, non rendeva tanto, rovinava il selfie“. Crozza ironizza: “L’unica maglietta che sentirei bene addosso è quella con la scritta “Je suis un cretin totalment brancolant dans la nuit”. Qualcuno parla di guerra di religione, ma a Beirut i terroristi erano musulmani e hanno ucciso altri musulmani. Io invidio chi ha le idee chiare. Poi mi accorgo che chi ha le idee chiare è gente come Gasparri, Belpietro e Salvini. E mi dico: ma sai che forse essere ‘un creten che brancola nella nuit’ non è male?”. E aggiunge: “Libero ha titolato “Bastardi islamici”. Gasparri ha scritto: “Radiamo al suolo l’Isis”. Salvini ha detto: “Il terrorismo va bombardato”. Io sarò anche un “cretin dans la nuit”, ma loro sono dei “cretin anche in pieno jour”. Bombardare tutti non è una soluzione nuovissima, perché dopo l’11 settembre abbiamo bombardato e oggi nel mondo il terrorismo è più forte di prima”. Crozza conclude: “Coi nostri bombardamenti sono stati uccisi un milione di civili iracheni, 220mila civili afghani, 80mila civili pachistani. Più che una guerra di civiltà per ora, è stata una riuscitissima guerra ai civili. E quella, secondo me, l’abbiamo già vinta. Ma sbaglio o adesso stiamo per rifare la stessa cosa?”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×