/ /

Giustizia & impunità
19 Ottobre 2015 | di

Erri De Luca assolto: “Impedita ingiustizia, l’articolo 21 della Costituzione è in vigore”

Mi sono trovato in una lunga sala d’attesa che adesso è finita. Rimane la grande solidarietà delle persone che mi hanno sostenuto qui e in Francia”. Lo ha detto Erri De Luca, commentando l’assoluzione in tribunale a Torino dall’accusa di istigazione a delinquere perché il fatto non sussiste. “Ero tranquillo, perché – ha spiegato – avevo fatto il possibile. Questa assoluzione ribadisce il vigore dell’articolo 21 della Costituzione che garantisce la più ampia libertà di parola, che i padri della Costituzione hanno voluto regalare agli italiani”. Poi lo scrittore napoletano ha aggiunto: “E’ stata impedita una ingiustizia, quest’aula è un avamposto sul presente prossimo. Ora mi sento tornato un cittadino qualunque, ma la Val di Susa resta una questione che mi riguarda”.

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×