/ /

Terza pagina
13 Ottobre 2015 | di

Crozza: “Marino? E’ come il dottor House, ma il bastone non gliel’hanno messo in mano”

Copertina di Maurizio Crozza, che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7), soffermandosi sull’arresto del vicepresidente della Regione Lombardia, Mario Mantovani: “A Roma hanno “Mafia Capitale”, a Milano “Sanità Criminale”. Voi “cosa vostra” e noi “cosa nostra”, il bicamorrismo perfetto. Oggi Mantovani doveva partecipare alla Giornata della Trasparenza e della Legalità, ma purtroppo lo hanno arrestato un secondo prima. E’ come convertirsi all’Islam alla Vigilia di Natale. Mantovani è accusato aver truccato gli appalti sui trasporti dei malati in dialisi. Se rubi i cartoni ai clochard, fai più bella figura“. Inevitabile il riferimento a Ignazio Marino: “Di fronte al caso Mantovani, gli scontrini di Marino sono bazzeccole. Mentre al nord fottevano i malati, a Roma hanno fottuto il medico. Non c’è logica. Marino mi ricorda il dottor House, solo che il bastone al momento non gliel’hanno messo proprio in mano. La data per le sue dimissioni ufficiali è fissata per il 2 novembre, il giorno dei morti. E’ sfigato, dai, non gliene va bene una. Ieri al Campidoglio 2000 persone chiedevano a Marino di restare. Tutta gente che era stata a cena con lui, tra l’altro“. E aggiunge: “Tra quelli che gli hanno espresso solidarietà, c’è Sabrina Ferilli. Lei che fa un cazziatone al papa dà l’idea del quadro in cui ci muoviamo“. Crozza imita quindi papa Francesco: “Ce manca solo che me faccia il cassiatone la Cuccarini, quella delle cucine. Si è già fatto sentire Mastrota? Ha mica detto qualcosa Roberto il Baffo?”. Il comico continua: “Per sostituire Marino, Renzi pensa a un commissario e 8 sotto-commissari, 9 al posto di uno. Lo vedete che il Jobs Act funziona? Il premier sta anche pensando all’ex comandante generale dei Carabinieri, Gallitelli. Minchia, Matte, Pinochet la faceva meno sporca. Per votare bisogna aspettare l’Election Day. E’ un evento: in America hanno il Super Bowl, noi il Super Boh. Nel Pd c’è Zanda che vorrebbe sospendere le votazioni fino al 2017 perché c’è il Giubileo. Che cazzo c’entra, Zanda? Mica si vota a San Pietro. Che c’è il Seggio Santo? Nel 1450 il Giubileo a Roma l’hanno fatto durante la peste. Zanda, secondo te, per il normale svolgimento del Giubileo dà più fastidio la peste o le elezioni?”. E aggiunge: “A Renzi piacciono le elezioni quanto a Balotelli piacciono gli autovelox. Oggi ha approvato una riforma storica: è stato triplicato il tetto per il pagamento in contante da 1000 a 3mila euro. Minchia, che mazzata alla criminalità. Anche Berlusconi si è commosso”. Finale menzione del voto sul Senato: “Se col bicameralismo perfetto c’erano senatori come Razzi, Gasparri e Scilipoti, vi immaginate con quello imperfetto? Eleggiamo direttamente la famiglia Addams. Sapere che per la scrittura della nostra Costituzione siamo passati dai Padri Costituenti alla Boschi mi dà la stessa tranquillità che mi darebbe sapere che la Bibbia la sta riscrivendo Claudio Lippi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×