/ /

Politica & Palazzo
6 Ottobre 2015 | di

Senato, Pd: ‘Non sarà casa dell’impunità’. M5S: ‘Incentivo a delinquere. Verdini se la canta? Certo, piano P2 è compiuto’

“Non sarà la casa dell’impunità, non sarà una passerella inutile, ma una voce per il territorio, chi critica non ha letto la riforma”. Così gli esponenti della maggioranza in Senato difendono l’immunità concessa ai sindaci e consiglieri regionali che un giorno occuperanno gli scranni di palazzo Madama. Critico Carlo Giovanardi di Ncd: “Un tempo c’era il dopolavoro ferroviario, adesso ci sarà il dopolavoro al Senato, verranno qui a tempo perso”. “L’immunità è un incentivo a delinquere, questa riforma è funzionale a mantenere una classe politica corrotta al potere” afferma Paola Taverna del Movimento 5 stelle. “Verdini se la canta? Certo grazie a Renzi il piano di Licio Gelli è compiuto, i nuovi padri costituenti sono figure peggiori di Berlusconi” aggiunge. “E’ uno sbaglio accomunare i sindaci e i consiglieri a dei malfattori, sono votati con le preferenze e poi la legge Severino verrà applicata anche a loro – sostiene Roberto Cociancich del Pd – e poi non confondiamo gli inquisiti con i condannati”. Ecco perché Verdini il plurindagato e i suoi possono diventare padri costituenti? I costituenti sono altri: Finocchiaro, Chiti, poi condanno i gesti indegni di D’Anna da tempo” replica. “Oramai è il governo Renzi-Verdini, io se con i 5 stelle approvano le unioni civili o la legalizzazione della cannabis gli voterò la sfiducia – minaccia Giovanardi – un partito al 25% non può proporre questa rivoluzione antropologica con il nostro consenso, vada ad elezioni se vuole portare avanti questo programma”. E poi aggiunge: “Denis Verdini se la canta? Certo, il gran ducato di Toscana dal locale è diventato nazionale, con la benedizione e la copertura di Renzi Verdini ha fatto un’operazione politica di successo, è un problema del Pd, ma Verdini ha ragione a cantarsela”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×