/ /

Economia & Lobby
3 Ottobre 2015 | di

Abolizione Tasi-Imu, Calenda: “Priorità è rilanciare domanda interna, export può calare”

“La ricchezza netta delle famiglie italiane è otto volte il loro reddito disponibile (Meglio di Usa, Germania e Canada), e il loro indebitamento rimane relativamente basso (82% del reddito disponibile)”. Lo ha spiegato il ministero dello Sviluppo economico spiega ai potenziali investitori stranieri nel corso del Forum internazionale dei Fondi sovrani che si è svolto a Milano. E allora perché eliminare anche l’unica effettiva tassa sui patrimoni? Parliamo ovviamente dell’abolizione di Imu e Tasi sulla prima casa annunciata dal premier Matteo Renzi. “Io mi occupo di export”, ci tiene a precisare il viceministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha fatto gli onori di casa nell’ultimo dei tre giorni del Forum. “Ma Renzi e Padoan fanno benissimo a tagliare le tasse sulla casa perché in questo momento è prioritario rilanciare la domanda interna“. E spiega: “Abbiamo un export che va molto bene, ma l’anno prossimo le cose potrebbero andare diversamente, visto che le esportazioni sono influenzate da fattori che riguardano l’economia mondiale: rallentamento della Cina, crisi dei mercati emergenti, la strategia dei tassi Usa”. Calma e gesso, dunque, l’export potrebbe giocare un brutto scherzo all’Italia che scommette sulla crescita. E allora tocca che gli italiani si mettano in testa una cosa: spendere di più. “La tassa sulla casa ha un forte effetto psicologico sugli italiani: i consumi aumentano non solo se uno a più reddito, ma anche se ha la sensazione che le cose vadano meglio”. Insomma, anche se le coperture dovessero arrivare da nuove tasse, annullando così i benefici dell’abolizione di Imu e Tasi, gli italiani ricominceranno a spendere. Non è matematica? Pare sia psicologia. Nel frattempo, dove prendete i soldi si può sapere? “Io mi occupo di export. Renzi e Padoan hanno consegnato il piano a Bruxelles con tutte le coperture possibili e immaginabili”. Bene. Intanto a Bruxelles si limitano a bocciare la strada renziana

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×