/ /

Politica & Palazzo
2 Ottobre 2015 | di

Senato, striscioni della Lega e il M5S contro minoranza Pd: “Venduti per un piatto di trippa”

Mattinata di polemiche a Palazzo Madama, durante le votazioni dell’articolo 2 del ddl Boschi, quello riguardante l’elettività dei futuri senatori-consiglieri regionali. La Lega Nord interviene in Aula con cartelli: “Costituzione demolita da mercenari, falsari e Verdini”. I senatori del Carroccio sollecitano più volte l’intervento del collega dem, Roberto Cociancich, autore dell’emendamento ‘canguro’ che ha fatto decadere tutti le modifiche collegate a quell’articolo. Il senatore Pd, dopo aver tergiversato, interviene per affermare di essere l’autore del suddetto emendamento, ma dai banchi delle Lega Nord le proteste non si placano: “Non è vero”. Poi il Movimento 5 Stelle con Nicola Morra attacca la minoranza dem e Laura Puppato: “La mediazione interna al Pd? Forse un atto di prostituzione”. La Puppato replica: “Non avete altri elementi se non le provocazioni”. Poi Morra cita Gesù Cristo sulla croce: “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”; il Presidente Grasso interviene: “Siamo già nella crocifissione..”. “Sì, l’Italia è crocefissa ed è anche responsabilità sua, che ha piegato la Costituzione ed i regolamenti ad uso e consumo della maggioranza”. “Cerchi di non danneggiare i microfoni” gli replica il Presidente del Senato. Anche Alberto Airola, Senatore M5S attacca Piero Grasso: “Io la credevo una persona imparziale, invece non lo è”. “Io ritengo continuo ad essere imparziale ed arbitro”, conclude Grasso  di Manolo Lanaro

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×