/ /

Mondo
2 Settembre 2015 | di

Palestina, l’attivista italiano arrestato: “Picchiato dai soldati israeliani con calci e pugni”

“Ero su una collina e stavo facendo delle foto. A un certo punto, sono arrivati dei soldati, mi hanno circondato, sono scivolato e mi sono saltati addosso, nonostante non avessi fatto assolutamente niente. Mi hanno accusato di aver tirato pietre. Poi hanno picchiato per tre volte”. E’ il drammatico racconto reso ai microfoni di Rai News da Vittorio Fera, l’attivista italiano di 31 anni arrestato venerdì scorso dall’esercito israeliano a Nabi Saleh, in Cisgiordania. Fera è stato rilasciato lunedì dal Tribunale di Gerusalemme su “cauzione ed un prolungamento delle indagini fino al prossimo 8 settembre”. “Mi hanno picchiato una prima volta quando mi hanno circondato in sette” – racconta l’attivista – “poi quando mi hanno portato via, dietro la Jeep, in modo che la gente non potesse vedermi. Mi hanno picchiato col calcio del fucile e dandomi calci e pugni. Quando sono arrivato alla base militare, mi hanno malmenato di nuovo, tenendomi per 6 ore legato e imbavagliato. Fermo, senza poter avere nessun diritto”. E aggiunge: “Sono stato poi portato alla stazione di Polizia dove ho potuto parlare solo una volta col mio avvocato e sono stato messo in una stanza fino al giorno dopo. Non mi hanno assolutamente concesso nessun diritto, neppure la possibilità di cambiare gli abiti”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×