/ /

Mondo
29 Agosto 2015 | di

Soldato israeliano picchiato da donne palestinesi, che evitano l’arresto di un bambino

Il video è stato girato nei pressi del villaggio cisgiordano di Nabi Salih, dove le proteste dei palestinesi contro gli insediamenti israeliani sono all’ordine del giorno. Venerdì 28 agosto, durante alcuni scontri, un soldato israeliano si è lanciato nell’inseguimento di un dodicenne. Il bambino, con un braccio ingessato, viene immobilizzato dal militare e comincia ad urlare. In pochi istanti alcune donne palestinesi sono addosso al soldato, che viene preso a pugni nel tentativo di liberare il bambino. L’esercito israeliano dichiara che il dodicenne era stato visto lanciare sassi, e che i soldati non si erano resi conto che si trattasse di un bambino. Un attivista straniero ha invece dichiarato al quotidiano israeliano Haaretz che nessuno ha visto il ragazzino lanciare pietre, e che era impossibile non accorgersi che si trattasse di un bambino. Alla fine i militari, vessati da altri bambini e dalle donne palestinesi intervenute, hanno rinunciato all’arresto, non senza gettare in mezzo alle donne e ai bambini una granata assordante. L’organizzazione per i diritti B’Tselem ha dichiarato che dal maggio scorso 163 bambini palestinesi hanno subito la detenzione da parte dell’esercito israeliano

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×