/ /

Mondo
20 Agosto 2015 | di

Donald Trump, un suo dipendente messicano: “Io criminale, trafficante e stupratore? Sono offeso”

Nella lunga corsa alla Casa Bianca, il miliardario repubblicano Donald Trump continua a far parlare di sè. Non si sono smorzate le polemiche con Heidi Klum a causa dei commenti decisamente poco galanti che le ha riservato, che già spunta l’accusa di Ricardo Aca, 24 anni, messicano immigrato negli Stati Uniti 10 anni fa. Nel video diffuso in rete, Aca denuncia le politiche anti immigrati e le parole offensive di Donald Trump che ha definito i messicani che varcano il confine “criminali, trafficanti di droga e stupratori”. Un gesto particolarmente forte visto che Ricardo Aca lavora in un hotel di New York di proprietà di Donald Trump. “Io non sono così, nessun messicano è così”, dice Aca che si “sente offeso”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×