/ / /

Uomo da Marciapiede
5 Luglio 2015 | di

Crisi della Grecia, cosa rischiano Europa e Italia? Il vox di Piero Ricca

L’evoluzione della crisi greca appassiona e preoccupa anche in Italia. In attesa del referendum del 5 luglio, in un vox tra le strade di Milano abbiamo registrato le opinioni prevalenti. “La Grecia rappresenta il fallimento dell’Unione europea, se Atene si stacca l’Europa dell’Euro è finita”, dichiarano alcuni. “Fuori dall’Eurozona la Grecia non ha futuro, quello di Tsipras è solo un azzardo”, obiettano altri. C’è chi vede nel referendum la risposta della democrazia alla tecnocrazia finanziaria e chi pensa che l’unica strada sia la continuazione dei negoziati. Qualcuno spera che lo strappo di Atene faccia vacillare “l’Europa delle banche e dei poteri forti”, altri al contrario temono che l’eventuale default greco inneschi “gravi conseguenze anche per gli altri Paesi più indebitati, tra i quali l’Italia”. Tra speranze e timori c’è chi dispensa certezze: “Tra Russia e Nato, troppi interessi geopolitici impediranno all’Europa di abbandonare la Grecia al suo destino”. Di sicuro l’Europa unita – così com’è – non piace a nessuno. E voi che idea vi siete fatta? Diteci la vostra nei commenti  di Piero Ricca, riprese e montaggio Matteo Fiacchino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×