/ /

Terza pagina
14 Giugno 2015 | di

Imbecilli su Internet, Rodotà: “Eco ha ragione, ma sono utili a rivelare altri problemi”

“Tutti i mezzi di comunicazione hanno dato voce anche a generazioni di imbecilli. E’ la scala del fenomeno che ha colpito giustamente Eco”. Così il costituzionalista Stefano Rodotà commenta le recenti affermazioni di Umberto Eco che hanno suscitato le polemiche della Reteo. “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli“, aveva detto il semiologo all’Università di Torino. A margine delle Giornate del lavoro della Cgil, a Firenze, Rodotà afferma: “Ormai chiunque in possesso di un qualunque strumento elettronico può mettere in rete qualsiasi cosa senza controllo”. Poi però il costituzionalista distingue: “Le generazioni di imbecilli che usano la rete ci fanno vedere che nella società ci sono delle cose che non vedevamo prima”. Insomma, “si tratta di vedere come limitare l’imbecillità”, conclude Rodotà sull’argomento. “Ma quando questa ci rivela qualcosa della società, è importante”. Il costituzionalista è da tempo impegnato sul tema dei limiti della vita online: “Stiamo lavorando in questo momento ad alcune regole, l’inventore della rete Tim Berners-Lee sta scrivendo insieme a varie persone, tra le quali anche io, una Magna Carta per Internet”  di Max Brod

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×