/ /

Giustizia & impunità
4 Giugno 2015 | di

Mafia Capitale, Orfini: “Principali esponenti M5S sono gli idoli dei clan di Ostia”

“A chi oggi cerca di attaccare l’amministrazione comunale e il Pd di Roma io voglio dire poche parole. Al M5S, i cui principali esponenti sono gli idoli dei clan di Ostia, spiego che non è un caso che si diventi idoli dei clan”. Lo ha detto il commissario del Pd Roma, Matteo Orfini, durante la conferenza al Nazareno. Orfini ha proseguito l’attacco ai 5 Stelle spiegando che “hanno la stessa linea di un clan, visto che il loro leader dice che ‘la mafia non esiste’, e che chiedono le dimissioni di Marino, ovvero di chi contrasta la criminalità”. Orfini prosegue il suo attacco: “Vorrei dire anche a Giorgia Meloni che oggi pontifica su Marino e il Pd che forse ha il dovere di spiegare alcune cose. Le segnalo che in questa vicenda gli unici indagati per il 416 bis sono l’ex sindaco Gianni Alemanno e Luca Gramazio“. Orfini, infine, attacca anche il leader della Lega Nord: “A Salvini voglio dire che quello che sta emergendo in modo drammatico, cioè che ci fosse un sistema criminale che lucrava sul dolore dei più deboli, è potuto avvenire in questa città perché c’erano delle norme volute dal ministro Maroni che consentivano una gestione emergenziale e perché c’era un amministrazione comunale che accettava quel tipo di gestione e assegnava o comunque non verificava l’effettiva applicazione degli appalti. Oggi a Roma i principali esponenti della Lega Nord di questa città erano il perno della maggioranza di Alemanno”  di Manolo Lanaro

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×