/ /

Politica & Palazzo
17 Maggio 2015 | di

Casapound, Bonazza: “Fascismo? Oppositori uccisi? Stronzate, l’unico fu Matteotti”

Sono fascista, perché no? Non c’è niente di male”. Sono le parole di Andrea Bonazza, primo consigliere comunale di Casapound eletto alle ultime amministrative a Bolzano e membro di un partito alleato della Lega Nord di Salvini. Intervistato da Giuseppe Cruciani a La Zanzara (Radio24), il politico si rende protagonista di un alterco vivace con David Parenzo. “Ancora oggi” – afferma Bonazza – “ci sono leggi e strutture del fascismo che funzionano sicuramente meglio delle castronerie fatte oggi. Se ci fosse Mussolini in Italia le cose andrebbero assolutamente molto meglio e alla grande. Lo pensa la maggioranza del popolo italiano. Ho un busto del duce in casa, lo conservo con estremo orgoglio, ma sono anche pieno di poster di Laura Angel e di altre ragazze simpatiche“. E aggiunge: “Oppositori del fascismo uccisi o incarcerati? Ma quando mai. L’8 settembre 1943 c’erano al massimo 20 persone al confino. Signori, anziché leggervi le stronzate di Camilleri e di altri storiografi di parte, leggetevi i libri di Pansa, ad esempio. Ma basta con queste stronzate, l’unico a essere ammazzato fu Matteotti“. E ancora: “I gay? Esiste indubbiamente una lobby nel mondo e in Italia. Se avessi un figlio omosessuale, lo lascerei libero di fare le sue scelte. Certo, mi dispiacerebbe che vada in quella direzione, perché è pieno di figa“. Critico sul premier (“Renzi è una testa di cazzo, come altri che governano il mondo oggi”), Bonazza si pronuncia anche su Hitler: “Nel bene e nel male è riuscito a governare un Paese. Per il popolo dei lavoratori tedeschi ha fatto indubbiamente tante cose positive come fece Stalin in Russia. Fece la Volkswagen, la macchina del popolo. E poi era vegetariano, come me” di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×