/ /

30 Aprile 2015 | di

Servizio Pubblico, Salento: Xylella e la guerra dell’ulivo

In Salento sono un milione gli ulivi che rischiano l’abbattimento a causa del disseccamento rapido. Secondo la Commissione europea la malattia, il cui nome scientifico è Xylella fastidiosa, è trasmessa da un insetto che fa da vettore tra le piante malate e quelle sane. Il piano varato dall’Europa per evitare un contagio più esteso rischia di mettere in ginocchio un’economia già provata, e così attivisti e contadini insorgono, proponendo soluzioni alternative per debellare la malattia e tutelare un’eccellenza italiana: “Non possiamo cospargere di diserbanti l’intero Salento. Noi ci proponiamo di andare a dare una mano nei terreni di chi ha bisogno. Se la gente torna in campagna e impara a lavorare la terra, l’economia torna a girare qua”. Il racconto di Giuseppe Borello

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×