/ /

30 Aprile 2015 | di

Servizio Pubblico, Emiliano: “Italicum? Un passo per evitare le larghe intese”

“Dovremmo correggere i rischi di questa legge con una legge sui partiti che preveda per loro uno statuto”. Sono le parole di Emiliano, che spiega gli aspetti positivi dell’Italicum: “Per 10 anni ho vissuto pericolosamente il mio ruolo nel Pd, perché non appartenevo a nessuna corrente”. E aggiunge: “La legge Acerbo arrivava dopo la marcia su Roma. Ora proviamo ad approvare l’Italicum, altrimenti le magigoranze poi dobbiamo farle con Putin, altro che larghe intese. Governi con Berlusconi non vogliamo farli più. Abbiamo bisogno di una norma che sblocchi la tripartizione del sistema italiano e mettere mano sulle riforme necessarie”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×