/ / /

29 Aprile 2015 | di

Servizio Pubblico, riguarda la puntata “Dittadura”

Dittadura”, è questo il titolo della nuova puntata di Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro in onda giovedì sera, alle 21.10, su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it.

Pier Luigi Bersani, Stefano Fassina, Rosy Bindi, Enrico Letta e altri parlamentari della minoranza Pd non votano la fiducia: “Uno strappo inaccettabile”, continuano a sostenere. “Questa non è più la mia ditta – sono le parole di Bersani – io posso prendere le sberle ma l’Italia no”. A poche ore dall’inaugurazione dell’Expo, che aprirà venerdì 1 maggio a Milano, la situazione politica italiana si fa incandescente e c’è chi, come il parlamentare di Forza Italia Renato Brunetta, addirittura evoca “il fascismo renziano”. Il governo ce la farà ad approvare la riforma, e a quale prezzo? Quale sarà il futuro del Pd? E il decisionismo di Renzi piacerà oppure no agli italiani, ancora preoccupati per una ripresa che tarda a decollare?

Tra gli ospiti in studio: Stefano Fassina, deputato del Partito democratico, Michele Emiliano, candidato presidente alle regionali in Puglia, Lorenza Carlassare, giurista e costituzionalista e l’antropologa Amalia Signorelli.

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×