/ /

Media & regime
10 Aprile 2015 | di

Salvini vs Casarini: ‘Dopo i campi rom, passeremo a sgomberare i centri sociali’

Confronto duro tra il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, e il leader del movimento No-Global, Luca Casarini, durante Virus, su Rai Due. L’europarlamentare del Carroccio critica fortemente l’introduzione del reato di tortura nel codice penale, così come voluto dal governo Renzi: “Visto che c’è pure la ‘tortura psicologica’, ora uno spacciatore, uno stupratore, un delinquente che vorranno rompere le palle al poliziotto e al carabiniere li metteranno nei casini. Io sto coi poliziotti e i carabinieri e non con quelli che vanno in piazza a far casino”. Non ci sta Casarini, che ribatte: “Io sto con la democrazia”. “E i centri sociali sono la democrazia? Ma per piacere!”, insorge Salvini. L’esponente di Sel replica: “E Casapound? L’istigazione all’odio razziale è democrazia? Vergognati”. Il leader della Lega rincara: “Ma andassero a lavorare! Una volta che ho finito di sgomberare i campi rom, comincerò con i centri sociali”. Casarini controbatte: “Vergognati! Sei strapagato al Parlamento Europeo per istigare all’odio razziale. Tu vuoi le manette solo per la povera gente e quando si tratta dei poteri forti, col cavolo che li metti in discussione”. Salvini accusa: “I tuoi amici dei centri sociali che vanno in giro a spaccare e a sfasciare macchine e vetrine sono dei delinquenti”. “I tuoi amici che torturano sono delinquenti”, risponde il leader No-Global. Con difficoltà Nicola Porro cerca di sedare il dibattito, ma Salvini insiste: “Andate a lavorare tutti quanti”. “Va’ a lavorare tu per una volta” – chiosa Casarini – “invece di prendere 15mila euro al mese per istigare all’odio razziale”  di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×