/ /

9 Aprile 2015 | di

Servizio Pubblico, Travaglio: “Intercettazioni e supercazzole”

Editoriale di Marco Travaglio, che esordisce: “Un appalto su 3 è truccato, 1 contribuente su 4 evade, gli imprenditori dichiarano meno dei loro operai e l’80% delle tasse le pagano lavoratori dipendenti e pensionati, sempre più incazzati. Ma niente paura, il governo Renzi ha già trovato la soluzione: vietare alla stampa di pubblicare le intercettazioni dei non indagati. L’idea è geniale, ma non troppo originale: ci aveva già provato il centrosinistra con la legge Mastella e il centrodestra con la legge Alfano, ma invano. Ora Renzi, che doveva rottamare la vecchia politica, sta completandone l’opera facendo le poche leggi vergogna che la vecchia politica aveva lasciato a metà. Lo chiede anche Alfano, che è molto coerente. Ncd, dopo il caso Lupi, è al 2,2%: un altro paio d’intercettazioni e finisce sottozero“. E spiega: “Le intercettazioni dell’inchiesta di Napoli svelano i rapporti tra i mazzettari della coop rossa Cpl Concordia e politici di destra e del Pd. D’Alema s’è messo a urlare: ‘Vergogna, non sono indagato. Dove sono i caschi blu?’ In realtà D’Alema negli atti ci è finito non perché i pm volessero sputtanarlo, ma perché parla di lui l’arrestato n.1: Francesco Simone, manager della coop Concordia, in affari addirittura col feroce clan camorrista Iovine”. Il direttore de Il Fatto Quotidiano analizza l’inchiesta sulla coop Cpl Concordia e le rivelazioni di Francesco Simone. Poi osserva: “Soro, garante della Privacy, ha detto: “Non tutto ciò che è di interesse del pubblico è anche di pubblico interesse”. Soro non ha ben chiara la differenza fra un foruncolo e un’intercettazione. Lui chiede al governo una legge per un’adeguata selezione delle notizie da diffondere, manco fosse il Minculpop. 99 volte su 100 i politici presi col sorcio in bocca strillano alla privacy e al segreto quando non ci sono”. Travaglio continua: “Cari politici, rassegnatevi, anzi arrendetevi: mica ve l’ha ordinato il medico di fare i politici. Il garante della Privacy al “giornalismo di trascrizione” preferisce quello di omissione”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×