/ /

Mondo
6 Aprile 2015 | di

Svizzera, da poliziotti e politici stop al proibizionismo: “Sì a marijuana di Stato”

Dieci anni dopo lo sgangherato tentativo del canton Ticino, che con i suoi deodoranti per armadi diventò per sei anni una piccola Giamaica sulle Alpi, il paese cantonale ci riprova: “Facciamo come in Uruguay”. In prima linea il capo della polizia di Neuchatel Olivier Gueniat e l’ex presidente federale della Repubblica Ruth Dreifuss. “L’offerta di stupefacente è così estesa da non essere intaccata dalla nostra attività di polizia e la domanda di droga non accenna a diminuire”, ammette l’investigatore. Gli fa eco la politica socialista: “Regolamentiamo la cannabis come alcool e tabacco. È molto più efficace incoraggiare la gente a osservare delle regole piuttosto che imporre un divieto al quale di certo si trasgredirà”. Il progetto pilota atteso a Ginevra entro il 2015  di Lorenzo Galeazzi e Alessandro Madron

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×