/ /

Cronaca
25 Marzo 2015 | di

“Africani di merda”. Giocatori migranti del Rosarno filmano cori razzisti: “Sempre così”

Africani di merda”. Cori razzisti durante e dopo la partita di calcio di Terza Categoria che si doveva disputare sabato tra la Vigor Paravati (Vibo Valentia) e il Koa Bosco Rosarno (Reggio Calabria), la squadra di calcio calabrese formata esclusivamente dai migranti che lavorano nei campi come raccoglitori di arance. Dopo un fallo e la reazione di un calciatore africano, l’arbitro aveva sospeso la partita al 30° minuto del primo tempo. C’è stata, quindi, la reazione dei tifosi della Vigor Paravati che hanno atteso gli extracomunitari del Koa Bosco all’uscita dello stadio intonando cori razzisti nei confronti dei migranti che, fino alla settimana scorsa erano primi in classifica a tre partite dalla fine del campionato. “Non è la prima volta che succede – spiega il capitano della squadra di Rosarno che da due anni vive in un container e viene sfruttato nei campi –. Ci hanno chiamati ‘neri di merda, africani andate a raccogliere le arance‘. Devono capire che il calcio non conosce colore. Chi è più bravo deve vincere”. Molti dei suoi compagni sono mussulmani come il portiere senegalese: “Hanno offeso mia madre che è morta, ma anche Allah e Maometto. Questo non è giusto”. “Una cosa è quello che succede in campo e per questo c’è la giustizia sportiva – spiega l’allenatore Domenico Mammoliti –. Ma che c’entrano i cori razzisti?”  di Lucio Musolino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×