/ /

Cronaca
21 Marzo 2015 | di

Papa Francesco, la transessuale napoletana: “Noi figli di Dio, lo dica anche la Chiesa”

“E’ lo Stato che ci deve riconoscere i diritti, non certo il Papa. Ma è anche vero però che molte persone lesbiche, omosessuali e transessuali sono credenti, questo è il motivo della nostra presenza qui a Scampia”. Così il Presidente di Arcigay Campania Claudio Finelli intervenuto a Scampia in occasione della visita di Papa Francesco. Per rivendicare i diritti lgbt Arcigay ha accolto il Pontefice insieme con una famiglia composta da una coppia di genitori gay con un figlio. “Abbiamo avuto nostro figlio in Belgio con l’inseminazione artificiale – spiega una coppia omosessuale – quindi il bambino ha due mamme, una biologica e una non biologica, la cosa che a noi preoccupa sono i diritti di nostro figlio e chiediamo che alla mamma non biologica venga riconosciuta almeno l’adozione, perché è l’unico modo per tutelare nostro figlio”. Con loro anche una transessuale che al pontefice manda a dire: “Siamo figli di Dio? Certo che lo siamo. Ma è ora che lo dica anche la Chiesa”  di Fabio Capasso

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×