/ /

Cronaca
16 Marzo 2015 | di

Ercole Incalza, l’uomo degli appalti e la casa comprata alla figlia coi soldi della cricca

Il genero di Ercole Incalza, capo della struttura tecnica che si occupa dei fondi alle Grandi opere per conto del ministero delle Infrastrutture, acquista nel 2004 un appartamento a Roma, a pochi passi da piazza del Popolo, per 390mila euro. Ecco cosa racconta ai pm il marito della figlia dello storico dirigente arrestato su richiesta della procura di Firenze nell’ambito dell’inchiesta per la presunta gestione illecita degli appalti delle Grandi opere, dal nodo fiorentino dell’Alta velocità ferroviaria a Expo 2015: “Su suggerimento di Angelo Balducci fummo contattati da Angelo Zampolini per vedere la casa e discuterne il prezzo”. Peccato che nel preliminare di vendita sia annotato il vero prezzo dell’appartamento: 1.140.000 euro. Dalle indagini sulla cricca figura infatti che Zampolini e Anemone consegnarono al proprietario 520mila euro più altri 300mila in assegni

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×