/ /

Cronaca
5 Febbraio 2015 | di

Riccardo Magherini, Giovanardi choc: “E’ morto perché era strafatto di coca”

“Magherini? Era strafatto di coca, ha dato di matto, ha picchiato la gente. Scene da far west. Ha avuto un’ ipertermia, poi un collasso ed è morto. Le forze dell’ordine hanno difeso i cittadini che da un’ora e mezza stavano subendo violenze di tutti i tipi“. Così il senatore di Ncd, Carlo Giovanardi, a “La Zanzara” (Radio24) sull’omicidio di Riccardo Magherini, morto nel marzo 2014 a Firenze durante un arresto. Il gup ha rinviato a giudizio 4 carabinieri e 3 volontari della Cri per omicidio colposo. Giovanardi attacca in primis il Tg1: “Il 7 gennaio ha fatto già il processo, sentendo il fratello di Magherini, che ha detto delle cose incredibili, e una testimonianza totalmente falsa. E’ vergognoso, è ora di finirla. Si parla solo sulla base delle campagne mediatiche e non delle perizie. Poi sono presentati a Firenze il senatore Luigi Manconi e la signora Ilaria Cucchi. Hanno influenzato i giudici con le loro conferenze stampa: quando tutto stava procedendo verso l’archiviazione ci sono stati i rinvii a giudizio. C’è anche” – continua – “il solito avvocato Anselmo che ha detto che non vince i processi in tribunale, ma sui media. Sta cavalcando tutti questi casi“. Il parlamentare annuncia querela contro David Parenzo e aggiunge: “Non c’è stato nessun dolo: non possono essere stati dati calci violenti contro Magherini. E poi queste persone strafatte di coca hanno una forza incredibile, tanto che due carabinieri hanno preso botte da orbi” di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×