/ /

Politica & Palazzo
20 Gennaio 2015 | di

Banche Popolari, Padoan: “Perché un decreto? Così diamo un segnale di urgenza”

Per spiegare la scelta di intervenire con il Decreto legge, (che deve avere i requisiti di necessità e urgenza) il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan dà una spiegazione singolare in conferenza stampa a Palazzo Chigi, al termine del Consiglio dei Minsitri che ha varato alla trasformazione delle Banche popolari in spa: “Siccome stiamo uscendo dalla crisi c’è sia l’opportunità che la necessità di un sistema bancario che sia pronto a una concorrenza europea maggiore. Ecco perchè con un dl diamo all’intervento un significato di urgenza”. Padoan, poi, ha anche sottolineato che “la scelta concilia la necessità di dare una scossa forte, preservando però in alcuni casi una forma di governance che ha servito bene il Paese”. Poi, quando al ministro viene chiesto l’elenco delle dieci banche, Padoan risponde: “E’ di dominio pubblico, non li so a memoria, non vorrei sbagliarmi” di Manolo Lanaro

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×