/ /

Terza pagina

“Al piano come Jerry Lee Lewis”. Le follie di Matthew Lee, italiano che incanta il mondo

Cantante, compositore e pianista, con un background fatto di studi classici e di amore per il rock’n’roll anni ’50: Matthew Lee, all’anagrafe Matteo Orizi, è pesarese. La stampa internazionale l’ha definito “the Genius of rock’n’roll”: definizione ambiziosa; eppure a vedere come si muove sul palco, ci si convince che questa descrizione non è così iperbolica. “Dal conservatorio mi hanno radiato – dice al ilfattoquotidiano.it – La colpa? Del rock’n’roll“. Oggi Matthew ripropone atmosfere rockabilly e perfomances alla Jerry Lee Lewis nei suoi spettacoli live: più di mille concerti alle spalle per il trentaduenne marchigiano che si è esibito in tutta Europa. E’ uscito per l’etichetta Carosello il singolo “E’ tempo d’altri tempi“, che anticipa la pubblicazione di un album nella primavera del 2015 di Francesca Martelli e Claudia Rossi, infografica Pierpaolo Balani

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×