/ / / /

27 novembre 2014 | di

Announo, Emilia rossa, urne verdi: il comune di Bondeno

Dopo le ultime elezioni regionali e il dato sull’astensionismo, Andrea Casadio ci porta nella “ex” rossa Emilia-Romagna. Ieri roccaforte della sinistra, oggi culla di una Lega in ascesa fra la disaffezione sempre più diffusa per la classe politica. Un esempio su tutti: a Bondeno, in provincia di Ferrara, paese del candidato leghista Alan Fabbri, il PD perde 700mila voti, cedendo di schianto al carroccio. Bondeno è un piccolo comune in provincia di Ferrara. Qui prima tutti votavano Pci. Un cittadino accusa: “Gli extracomunitari arrivano sempre primi nelle graduatorie comunali perché hanno tanti figli”. A Bondeno prima votava il 95% della popolazione, ora neanche il 40. “Il mondo cambia” – commenta un cittadino – “Tanta gente non è andata a votare perché è stanca: promettono, promettono ma poi non fanno niente. È diventato uno stipendificio anche a sinistra”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×