/ /

Scuola
12 Novembre 2014 | di

Scuola, Renzi vs insegnanti: “Fatemi parlare, non siamo a un talent scout”

Rovente polemica tra Matteo Renzi e due docenti, ospiti nello studio del talk show di approfondimento “Porta a porta” (Rai Uno). Tema della controversia: la critica situazione della scuola, sulla quale il premier annuncia che, con riferimento particolare all’edilizia scolastica, sono necessari 3 miliardi di euro “per rimettere a posto tutto”. Il primo a prendere la parola è Orazio Sturniolo, professore del liceo scientifico “Niccolò Copernico” di Bologna: “Ad oggi i precari supplenti che hanno iniziato a lavorare l’11 settembre nella scuola non hanno ancora ricevuto gli stipendi di settembre e ottobreLei ha anche abolito gli scatti di anzianità, che valgono in tutti i Paesi europei“. “Della scuola dobbiamo parlare tutti” – ribatte piccato il premier – “non solo i sindacalisti“. Rincara la dose Sandra Zingaretti, docente del liceo scientifico “Gregorio Da Catino” di Poggio Mirteto (Rieti): “Lei non ha assunto i precari, li ha stabilizzati: lei ha cancellato la ricostruzione della loro carriera. Togliere poi gli scatti di anzianità crea disparità sociale”. Renzi tenta di replicare, ma la docente osserva: “Mi faccia parlare, c’ho le cartucce che posso sparare solo stasera. Lei le spara sempre, anche grosse“. E al premier che tenta di risponderle, replica: “Qui lei parla sempre, sta sempre al telegiornale, sta sempre ovunque. Questa è la mia unica occasione, se permette parlo“. “Questo però non è lo sfogatoio” – controbatte Renzi – “non è un talent scout“. La polemica coinvolge ancora Sturniolo, che accusa Renzi di prendersela troppo coi sindacati e gli chiede se lui sia a conoscenza del disegno di legge depositato alla Camera. “Pur non essendo io un buon studente, lei lo ha detto tre volte, l’ho capito” – risponde il presidente del consiglio. E aggiunge: “La differenza è che io penso di aver tanto da imparare. E penso che la scuola non possa essere lasciata solo ad alcuni” di Gisella Ruccia

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×