/ /

9 Ottobre 2014 | di

Servizio Pubblico, Piketty: “In Italia la ricchezza privata equivale a 6 anni di Pil”

“Nel mio libro c’è un messaggio di speranza: l’Italia è un Paese ricco, sono i governi ad essere poveri”. Thomas Piketty, autore de “Il Capitale nel XXI secolo”, intervistato da Giulia Innocenzi, punta il dito contro la disuguaglianza: “C’è una concentrazione di ricchezza mai vista prima, con le rendite che crescono molto più velocemente dei redditi da lavoro, e così la ricchezza si concentra nelle mani di pochi”. Gli effetti? Basta fare un giro per Savile Row, la strada del lusso, della moda, della finanza o nella cosiddetta Billionaire’s Road, il viale dei miliardari, dove ha casa, fra gli altri, il sultano dei Brunei.
“Mi godo la vita” racconta ad Andrea Casadio un operatore della finanza di 22 anni che guadagna un milione di sterline l’anno “cosa sono i poveri? Non lo so”. Qualcuno si vergogna ad ammettere che lavora in finanza: “Se hai 20-30 milioni di sterline l’anno ne hai abbastanza. C’è gente che non conosce limite e vuole fottere gli altri”. “Mi dicevo: lo faccio solo per qualche anno” racconta un finanziere pentito “nella mia banca d’investimento c’è gente che ha preso 23 milioni di bonus. La cosa che piace di più a chi lavora nel nostro settore? Quando due società si uniscono e viene licenziata la gente, riducendo i costi”. Il mercato ha sempre ragione? Il mercato è un gregge guidato da avidità e paura

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×