/ /

Politica & Palazzo
9 Ottobre 2014 | di

Delrio presenta ‘Italia sicura’ su dissesto e scuole, ma stavolta ‘niente selfie dai cantieri’

Presentati questa mattina a Palazzo Chigi la campagna istituzionale “Se l’Italia si Cura, l’Italia è più Sicura” e il nuovo sito www.italiasicura.governo.it, legati all’attività delle due strutture di missione della presidenza del Consiglio contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche e per il coordinamento e impulso nell’attuazione di interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica. Cantieri in parte già previsti dallo “Sblocca Italia“. Il sottosegretario Graziano Delrio, in conferenza stampa ha annunciato di “aver recuperato circa 2 miliardi di euro di fondi da investire nelle opere di risanamento e che circa 200 di queste sono già partite a giugno”. Il piano prevede degli spot pubblicitari, un sito geo-referenziato dove con un semplice click sulla cartina dell’Italia tutti potranno monitorare i cantieri avviati nella propria città, nel proprio territorio e l’esecuzione dei lavori. “Ma – difende il progetto Erasmo D’Angelis, coordinatore della missione contro il dissesto idrogeologico – non è un’operazione di marketing del governo (il riferimento va alle polemiche suscitate dal sito Passo dopo passo, altro progetto promosso dal governo a inizio anno per coinvolgere i cittadini, ndr). Non è una semplice raccolta di selfie dal cantieri. I lavori partono per davvero, molti altri verranno avviati nel 2015. La comunicazione in un Paese che – conclude D’Angelis – non calcola il rischio dell’abusivismo è importante” conclude D’Angelis  di Irene Buscemi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×