/ /

Cronaca
6 Ottobre 2014 | di

Roma, Pd: ‘Zoning per la prostituzione all’Eur necessario’. I cattolici: ‘Sfruttatori’

“Viale Tupini è una zona a luci rosse, lo zoning c’è già”. Così Paolo Lampariello, presidente dell’associazione ‘Ripartiamo’ dell’Eur, che ci mostra il degrado raggiunto dal quartiere romano a causa della prostituzione. “Il fenomeno è h24” raccontano i cittadini, “la sera si ha paura ad uscire, la sporcizia è vergognosa”. Preservativi a terra dietro ogni cespuglio, scene di sesso dinanzi ai portoni di casa. Il IX municipio e il suo presidente Andrea Santoro (Pd) stanno mettendo in piedi una soluzione: lo zoning come a Mestre e a Venezia, zone di tolleranza della prostituzione, controllare dalle forze dell’ordine e dagli operatori sociali. Una proposta ancora sulla carta contro cui si è già scagliato il Vicariato di Roma. “E’ un piano contro la dignità della persona e il buon senso, il municipio si schiera a favore degli sfruttatori” tuona la rivista diocesana Romasette.”Non è soltanto un problema di sicurezza, il progetto Michela prevede un sopporto alle tante donne in strada, spesso straniere, a rischio di malattie infettive e vittime del racket” afferma Santoro. L’Eur è già in allarme, tutti preoccupati sul dove verranno collocate queste aree. “Non saranno in periferia per forza, ma lontane dalle abitazioni – aggiunge il presidente del municipio – comunque sarà una decisione collettiva, presa con i comitati di quartiere”. “Ci saranno dell’unità di strada a convincere le prostitute e i clienti a spostarsi, prometto tolleranza zero fuori dalle zone individuate, si possono prevedere delle maxi-sanzioni come deterrente” spiega ancora Santoro di Irene Buscemi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×